Arco Felice, abbattuti gli ultimi caratteristici pini secolari

Arco Felice, abbattuti gli ultimi caratteristici pini secolari

(CFN) POZZUOLI – In questi giorni il comune, oltre ad eliminare le luci natalizie, ha fatto eliminare ad Arco Felice gli ultimi alberi reduci delle precedenti bonifiche. Uno spettacolo triste e desolante quello che si è presentato all’indigeno cittadino che già da qualche anno ha visto ridursi, mese dopo mese, i secolari pini caratteristici di Napoli e molto diffusi anche in questa parte della città.

Arco Felice anni '50-'60

Arco Felice anni ’50-’60

Arco Felice anni 50

Arco Felice anni ’50-’60

Piantumati agli inizi del ‘900 sono stati sempre arredo caratteristico, ed unico, del quartiere puteolano ritenuto storicamente “quartiere bene” e residenza di quella parte di puteolani che hanno sempre preferito la tranquilla periferia ai luoghi chiassosi del centro storico.

C’è da dire che la frazione di Arco Felice, con la sua piazza, è stata da sempre crocevia di quanti per lavoro o per piacere si recavano a Lucrino, ai laghi di Averno e Lucrino, a Bacoli e Monte di Procida.
La presenza degli alti alberi da fusto oggi rende questa frazione non più la caratteristica località bensì una delle tante, anonime, località dalle quali transitare per andare a… Un vero peccato!

Uno di questi secolari alberi, in una domenica dell’ottobre 2011, per il forte vento ma sopra tutto per mancanza di manutenzione, abbattendosi su un auto in sosta uccise sul colpo un anziano signore che in auto attendeva il ritorno della mogli che era andata a comprare i dolci nella pasticceria di fronte.Arco felice con alberi 2

Nel frattempo incombono i lavori di maquillage del PIU Europa e, come è accaduto nel centro storico di Pozzuoli, non è prevista una piantumazione ma solo stalli per il parcheggio delle auto.

Una volta anche a Pozzuoli esistevano i “Verdi”, quelli che ai temi ecologici erano sensibili, a volte finanche troppo. Adesso non se ne trovano tracce tangibili del loro operato. Ma a parte questo sembra veramente incredibile che con milioni di euro spesi nel centro storico ed altri da spendere fra Arco Felice e Lucrino non si abbia avuto la lungimiranza di “investire” con una opportuna piantumazione al fine di continuare a rendere i luoghi in cui viviamo più a misura di uomo.

Arco felice con alberi 1

Arco felice di qualche anno fa con gli alberi

Di questo passo saremo come Rimini o Riccione dove le priorità sono ben altre.(CFN)