BASKET/ Lurini: "Posso giocare in diversi ruoli. Obiettivo? Essere protagonisti"

BASKET/ Lurini: “Posso giocare in diversi ruoli. Obiettivo? Essere protagonisti”

di MARTINA COSTANTINO 

(CFS) POZZUOLI – “È un giocatore polivalente capace di coprire più ruoli e molto forte fisicamente. Ha un gran trattamento di palla, una buona fisicità, un giocatore molto importante che sarà molto utile in varie soluzioni tattiche”. Queste le parole di coach Gentile quando ha presentato Niccolò Lurini, ala piccola classe 2000 che conta  già esperienze in serie A2 con Siena e in B con il San Vendemiano, esperienze che lo hanno fatto crescere notevolmente e che lo hanno preparato ad affrontare un campionato molto importante, Niccolò le racconta così: “Sicuramente il campionato di A2 a cui ho partecipato con la Mens Sana Siena mi ha aiutato a crescere moltissimo perché ho giocato con giocatori molto forti ed esperti, anche americani. In particolar modo ho lavorato difendendo e marcando un americano, cosa che dovevo fare ad ogni allenamento, e proprio lui, dandomi molti consigli, mi ha aiutato molto a crescere sia dal punto di vista delle scelte che dal punto di vista tecnico. In serie B ho potuto mettere in pratica i miei apprendimenti precedenti, ho avuto più spazio sia perché ero più grande sia perché la categoria era inferiore anche se di un livello molto alto com’è la nostra serie B. Questa serie mi ha aiutato proprio dal punto di vista dello stare in campo”.

MOTIVAZIONI PUTEOLANE Dopo i primi campionati importanti Lurini è pronto a ritagliarsi sempre maggiore spazio in campo e ha tanta voglia di prendere parte ad un progetto coinvolgente come quello della Virtus Pozzuoli, per questo non ha esitato ad accettare quando è arrivata la proposta della società: “Le motivazioni che mi hanno portato a scegliere Pozzuoli sono state forti perché la società ha un bel progetto che mi ha convinto fin da subito ad accettare la proposta, infatti non ci ho pensato molto prima di farlo. Appena mi è arrivata la proposta ho parlato con il Dirigente Responsabile Michele Vaccaro e subito mi hanno convinto sia il progetto sia gli obiettivi e questa è stata la motivazione più grande. Sapevo che questa società aveva già partecipato al campionato di serie B in questo girone lo scorso anno, poi sapevo che a Pozzuoli in passato c’è stata anche una squadra di A2 e la conoscevo soprattutto per questo”.

ATLETA POLIVALENTE Lurini, poi, ha confermato le parole del capo allenatore in merito al suo tipo di gioco, sottolineando di aver ricoperto più ruoli in passato e di essere capace di adattarsi a varie situazioni: “Posso giocare in più ruoli infatti in A2 con Siena ho giocato da play-guardia, mentre lo scorso anno, in serie B, ho giocato da guardia-ala e qui a Pozzuoli sono stato ingaggiato proprio per ricoprire il ruolo di ala piccola. In situazioni di emergenza posso dare un aiuto in tutti i ruoli. Secondo me il mio punto di forza è il tiro da tre, mi piace giocare un tipo di basket che non aspetti il rientro difensivo dell’altra squadra, mi piace che si corra in campo e che ci sia un gioco veloce e dinamico”. Molti i pregi della giovanissima ala gialloblu che è pronta a dare il meglio di sé affinché la squadra posso raggiungere una buona posizione in classifica e ottenere i risultati chiesti dalla società il prima possibile: “Chiedo a me stesso di fare il meglio singolarmente, ma a vantaggio della squadra. Voglio rendermi utile per tutto quello che so fare, ma per permettere alla squadra di far bene. Non voglio fare l’individualista, ma voglio mettermi a servizio della squadra e i miei obiettivi sono di guadagnarmi quanto più spazio è possibile e cercare di arrivare più in alto possibile in classifica quest’anno. Possiamo essere la rivelazione di questo girone”.

VIVERE A POZZUOLI Quando ormai l’inizio del campionato è imminente e si è svolto gran parte del lavoro di preparazione, abbiamo chiesto a Niccolò quali sono le sensazioni, com’è l’atmosfera in squadra, come si sta trovando nella nuova realtà puteolana, con i nuovi compagni e con il nuovo allenatore e abbiamo capito che ancora una volta l’ospitalità di Pozzuoli non ha deluso, infatti ci ha detto di essersi perfettamente integrato nel gruppo e di essere felice di essere qui: “Mi sto trovando bene sia con i compagni che con il coach, infatti mi sono sentito inserito fin da subito all’interno del gruppo, mi sono sentito subito parte della squadra. Sia i compagni che l’allenatore mi hanno dato fiducia in queste amichevoli dandomi il mio spazio. Le sensazioni sono buone perché, secondo me, al di là dei risultati di queste amichevoli, che sono servite da rodaggio e per amalgamare il gruppo, possiamo dirci abbastanza contenti dei risultati. Dobbiamo puntualizzare ancora qualcosa, però, in linea di massima, siamo abbastanza contenti dei risultati che stiamo ottenendo fino ad ora. Stiamo migliorando giorno dopo giorno anche perché siamo un gruppo giovane e abbiamo molto margine di miglioramento. Pozzuoli mi sembra una bella città. Non ero mai stato al Sud, sono di Valdarno e quando sono stato lontano da casa sono stato o a Siena oppure al Nord, quindi per me è un’esperienza nuova però sono molto entusiasta di iniziare quest’avventura qui a Pozzuoli”. (CFS)