Flash News

Caso ebola, allarme rientrato. Figliolia, “i cittadini possono stare tranquilli”

Caso ebola, allarme rientrato. Figliolia, “i cittadini possono stare tranquilli”

(CFN) POZZUOLI – Alleratato nella nottata il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia si è messo in contatto con gli ospedali e con la prefettura per seguire il sospetto caso di Ebola che aveva, nel tardo pomeriggio di ieri, messo in agitazione i cittadini che con un tam tam sui social network avevano diffuso la notizia della possibile presenza di un uomo affetto dalla terribile malattia. I due extracomunitari, un uomo ed un ragazzo fra di loro parenti, provenienti, sembra, dal sud Africa, erano stati ricoverati all’ospedale La Schiana e subito trasferiti al Cotugno. Nel frattempo al pronto soccorso del nosocomio puteolano erano scattate le misure previste dal protocollo e il reparto che aveva ospitato i due chiuso in attesa di sanificazione.
Il direttore del nosocomio puteolano, Eugenio Amato, in mattinata fa sapere che ”I sanitari del Cotugno dopo aver assunto in cura il paziente, se si fosse trattato di Ebola, ci avrebbero immediatamente avvertito per seguire i protocolli di profilassi del caso. Il box – ha continuato Amato – è stato riaperto questa mattina e funziona regolarmente, come tutta l’attività sanitaria del pronto soccorso e’ proceduta secondo norma, senza creare problemi all’attività sanitaria”.
Stiamo monitorando la delicata situazione dall’alba – ha fatto sapere attraverso una nota il sindaco Vincenzo Figliolia – e voglio rassicurare la popolazione, evitando ulteriori psicosi di massa. Ho parlato con il prefetto di Napoli e con i vertici dell’ospedale Cotugno e non c’è alcun presunto caso di Ebola ma si tratta di malaria. Dalla prefettura – continua Figliolia – hanno disposto una serie di accertamenti e avviato controlli specifici con le strutture sanitarie e da quanto emerge, secondo i medici dell’ospedale Cotugno, si tratta di due casi accertati di malaria, contratta da un ragazzino di 13 anni in un recente viaggio in Africa compiuto con la sua famiglia e da un cittadino del Burkina Faso di 46 anni. I due pazienti sarebbero parenti tra di loro. Entrambi vengono seguiti clinicamente nell’ospedale napoletano. Ribadisco, inoltre, – conclude il sindaco – che da questa mattina tutti i box del pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli sono regolarmente in funzione e non c’è alcun disagio di sorta“.(CFN)