Flash News

Hockey, Braccobaldo Napoli vola in testa alla classifica
Braccobaldo Hockey Napoli

Hockey, Braccobaldo Napoli vola in testa alla classifica

(CFN) POZZUOLI – Il weekend appena trascorso è stato ricco di impegni per l’Hockey Napoli, ben tre partite in due giorni per i partenopei. Ad aprire le danze è stata l’U14, sabato sera ore 19, contro i pari età del Black Eagles Genzano; partita non facile con i più esperti laziali che hanno avuto la meglio per 9 a 2, le note positive: Artiaco e Mirabella si sono finalmente inserite nel gruppo e per Manzo si prospetta un ottimo futuro da portiere. Ore 20:45 scendono in campo i senior della serie B con il replay della sfida dei piccoli: Napoli-Genzano; la partita di cartello del girone D, ovvero prima contro seconda, Napoli ad un solo punto dai B0lack Eagles si gioca la sua chance per conquistare la vetta. Come da pronostico, la partita è da subito viva, occasioni da una parte e dall’altra con rapidi capovolgimenti di fronte, diretta da subito col pugno di ferro dall’esperto Liotta. A sbloccare il risultato ci pensa Massimi per i laziali al minuto 2:24, a cui risponde immediatamente Feltrin 15” dopo chiudendo un’ottima azione corale. Bencivenga pecca di inesperienza ed è troppo irruento in balaustra al 4’, penalità per lui, powerplay Genzano che all’andata ha fatto la differenza e che non si smentisce nemmeno stavolta: 50” e Massimi ristabilisce le distanze grazie anche ad un grossolano errore del penalty che fa quasi da velo al proprio goalie Russo.Hockey 2
La partita è emozionante, i padroni di casa però non si scuotono, e incassano un altro gol al 7’ ancora con Massimi che vince quasi sempre il duello con il suo diretto avversario. Minuto 11’ penalità per il capitano del Genzano (fallo di bastone), appena 30” e Di Notolo segna su assist di Feltrin; poco dopo arriva il primo gol stagionale per Guarino, bravissimo a crederci fino alla fine, infilando il portiere appena oltre la linea di porta. Partita riaperta per il Napoli, che al 17’ e 19’ va a segno con Di Notolo, prima chiudendo un ottimo triangolo con Vitale F. e poi segnando su respinta del portiere e mettendo a distanza di sicurezza gli avversari. La fine del primo tempo è un valzer di espulsioni per reciproche scorrettezze e gli ultimi 5’ ,in particolare, sono continuamente interrotti da fischi arbitrali. In breve: Napoli dal 19’ si trova in superiorità numerica per due volte consecutivamente, ma non sfrutta le sue occasioni, poi penalità contemporanea ai danni di Vitale M. (Napoli) e Cingolani (Genzano); rientra in pista dalla penalità un giocatore di Genzano (sempre Massimi) e segna in superiorità numerica, confusione, i cronometristi hanno errato la segnalazione delle penalità all’arbitro, e gli ospiti, approfittano di questa svista per siglare il quarto gol con una superiorità numerica che, effettivamente, non c’era. Si va al riposo sul 5-4 per il Napoli, il coach Brancaccio non vuole distrazioni, e sfrutta ogni secondo dell’intervallo per parlare ai suoi. Al rientro in pista il Napoli è in superiorità numerica, maturata nella fine del primo tempo, passano 26” e il Genzano accorcia le distanze con Panella (il più agitato dei suoi), tutto da rifare per Napoli, che alla ripresa del gioco ha subito la chance per rimettere la testa avanti proprio grazie a Panella,colto in fallo dall’arbitro. 4 vs 2 che dura fino allo scadere della prima penalità, quando Brancaccio A. sigla il 6 a 5, e Napoli che, purtroppo, non è più in superiorità. I partenopei controllano, agevolati dalla stanchezza dei giocatori della prima linea di Genzano sempre in pista, e si portano sull’ 8 a 5 ancora con Brancaccio (in powerplay) e poi con Feltrin. Il Napoli suda freddo di nuovo al 42:32, in penalty, non sfruttato da Genzano e solo negli ultimi 30 secondi subisce il definitivo sesto gol su powerplay dei laziali. Partita avvincente e molto combattuta, vinta con grinta e sudore dai ragazzi del Napoli.Hockey 2
Coach Brancaccio sulla partita dei suoi: ”Bella partita, bravi i ragazzi nell’interpretazione della gara. Ancora troppi errori in fase di finalizzazione ci costringono a partite troppo tirate fino alla fine. Dobbiamo imparare a chiudere prima gli incontri e a gestire meglio la gara. Sono comunque contento per la prestazione e per come siamo scesi in campo, dispiace per l’infortunio di Vitale, non ci voleva. Speriamo rientri presto. Ora a Palermo per consolidare la prestazione, il risultato come sempre non conta.” Domenica 9 è in campo a Casalnuovo l’U16, gara di ritorno tra Blue Tigers Napoli e Mammuth Roma, partita bella e corretta. Miglioramenti rispetto all’andata si sono evidenziati sull’approccio alla gara, nonostante la sconfitta per 3-0, che è sempre un passo avanti rispetto al 7-1 dell’andata. I piccoli Blue Tigers crescono partita dopo partita, giocando e divertendosi, non ci può essere nota più positiva con cui chiudere il weekend!(CFN-CS)