Flash News

I commercianti attaccano Figliolia

I commercianti attaccano Figliolia

(CFN) POZZUOLI – Sindaco avvisato mezzo salvato. Era questo, in sintesi, il messaggio lanciato dai commercianti del centro storico al sindaco della città, Vincenzo Figliolia, che aveva dato delle risposte non soddisfacenti ai rappresntanti di categoria che gli avevano riproposto annose questioni rimaste irrisolte. Dopo l’avviso, nemmeno troppo generico, adesso i commercianti affondano la lama e passano alle vie di fatto ed in aperta contestazione dicono: “Sindaco Figliolia, il Rinascimento siamo noi! Parcheggi, viabilità e mobilità queste sono le cose che il commercio vuole da te.”

Ma cosa è successo nel frattempo da far perdere le staffe ai commercianti del centro cittadino?

Qualche giorno fa c’è stato un incontro dove i rappresentanti sindacali hanno appreso che la disponibilità del Molo Caligoliano ha tempi lunghi; il progetto del parcheggio del vallone Mandria è saltato per il veto della Soprintendenza; i due mercati di via Fasano (recentemente ristutturato e costato 2milioni di euro circa) e quello di via Roma saranno delocalizzati a Monteruscello o in ogni caso in zona periferica; il parcheggio sotto Piazza a Mare, anche se presto sarà acquisito dalla Regione, non potra essere realizzato in tempi brevi per mancanza di fondi che potranno essere reperiti solo su presentazione di adeguato progetto ed in ogni caso non prima di due anni; l’intera mobilità cittadina, oltre ai posti di sosta attuali, potrà usufruire solo del parcheggio di  interscambio che sarà realizzato a via Artiaco.

“Un fulmine a ciel sereno” fanno sapere, dopo un summit fra commercianti, dagli ambienti sindacali che reputano queste “novità” un vero e proprio piano di desertificazione residenziale e commerciale ai danni del centro storico con l’obbiettivo di favorire azioni speculativ-immobiliari legate al Rione Terra. E non sarebbe questa una novità visto che proprio Figliolia da tempo sta cercando il modo per “piazzare” gli immobili a imprenditori alberghieri e che nei mesi scorsi più volte sono giunti in città immobiliaristi fatti passare per tour operator.

“Ai manifesti seguiranno altre azioni di lotta” promettono i commercianti. Adesso, come si suol dire, la palla ripassa nella metà campo del sindaco Figliolia che non è escluso si possa ritrovare a giocarla in solitudine orfano della sua maggioranza.(CFN)