IL CASO/ Archiviato il gruppo "Sei di Bacoli se..": lesa la libertà di pensiero e delle idee

IL CASO/ Archiviato il gruppo “Sei di Bacoli se..”: lesa la libertà di pensiero e delle idee

(CFN) BACOLI – Immanuel Kant riteneva che la libera circolazione delle idee fosse il fondamento della conoscenza e dell’emancipazione dell’uomo. La dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, invece, afferma all’articolo 18: «Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo». Ma dall’8 luglio non sono dello stesso avviso chi gestisce il gruppo di Facebook “Sei di Bacoli Se…“. Già perché il gruppo è stato archiviato con oltre diecimila persone che quotidianamente in quel gruppo esprimevano le proprie idee, il proprio pensiero, i problemi di Bacoli. Lesa, quindi, la libertà di pensiero della gente. Diverse, infatti, le segnalazioni che ci sono giunte in redazione di diversi membri. Così abbiamo chiesto spiegazioni agli amministratori i quali ci hanno risposto che “il gruppo è stato archiviato perché era impossibile andare avanti con polemiche e moltissimi post inadeguati“, oppure, per “polemiche poco costruttive createsi a seguito della pubblicazione di alcuni post. E’ una situazione momentanea“. Sarà anche una situazione momentanea ma è bene sapere che la Costituzione della Repubblica Italiana parla chiaro all’articolo 21, che recita: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione». (CFN)