LUCRINO/ Residenti incazzati per le nuove strisce blu: "Zona invivibile, invieremo dossier in Procura" - LE FOTO

LUCRINO/ Residenti incazzati per le nuove strisce blu: “Zona invivibile, invieremo dossier in Procura” – LE FOTO

(CFN) POZZUOLI – Le strisce blu hanno invaso letteralmente la frazione di Lucrino soprattutto in via Miliscola. Una zona dove già la rotonda Cavani crea notevole disagi e stamattina dalle ore 10 il traffico e il caos è stato molto intenso. Con l’arrivo delle nuove aree di parcheggio Lucrino diventerà una zona dove bastano poche auto e si congestiona tutto. Per questo motivo da ieri i residenti hanno avviato la formazione di un Comitato per la Vivibilità di Lucrino e stanno raccogliendo le adesioni che da stamattina sono già diverse centinaia. “In tutta la mattinata non c’è stata la presenza di un solo Vigile Urbano a Lucrino – spiegano due promotori del Comitato -. In alcuni istanti erano anche tre corsie che uscivano dal tunnel del Montenuovo. Ma veramente il Comune di Pozzuoli e alcuni consiglieri comunali credono che Lucrino sia proprietà privata di qualcuno? Lucrino è di tutti e non abbiamo nessuna intenzione di farla diventare una zona invivibile come la stanno facendo diventare. Si è parlato di prove di evacuazione appena una settimana fa ma con l’imbuto della rotonda Cavani e queste nuove e assurde strisce blu pensiamo che in caso di un evento particolare della caldera siamo destinati a morire qui. Carissimi amministratori noi non abbiamo le fette di prosciutto sugli occhi, anzi, stiamo preparando un dossier che nei prossimi giorni invieremo alla Procura della Repubblica di Napoli, al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e a quello dell’Ambiente. Noi vogliamo vivere e dare un futuro sereno ai nostri figli, non ci interessa che il Comune mette le strisce blu solo per far risollevare le sue casse comunali“. (CFN) 

Questo slideshow richiede JavaScript.