Flash News

Mondo Donna, per celebrare la “Giornata internazionale della donna”

Mondo Donna, per celebrare la “Giornata internazionale della donna”

(CFN) POZZUOLI – Si terranno già a partire dal prossimo sabato una serie di iniziative per ricordare il ruolo della donna nella civiltà moderna. L’amministrazione comunale di Pozzuoli ha inteso organizzare una serie di eventi dal titolo “Mondo Donna”.

Sabato 4 marzo, il primo appuntamento, alle ore 10:30 a Palazzo Migliaresi a Rione Terra, con una tavola rotonda su “Donna e Giustizia. All’incontro, moderato dalla presidente dell’associazione Nuovi Orizzonti Teresa Cannavacciuolo, interverranno l’avvocato Marianna Grimaldi, segretario AMI Salerno ed esperta in diritto di famiglia, Maria Teresa Moccia di Fraia, direttrice scientifica del Polo culturale di Pozzuoli, Fabrizio Maione, psicologo dell’associazione Nuovi Orizzonti, Nunzia Nigro, segretario del Sindacato forense puteolano, Mariapia Sansone, psicologa dell’associazione Proserpina e l’avvocato Libera Cesino, presidente di “Libera dalla violenza”.

Mercoledì 8 marzo, alle ore 15 al campo sportivo Domenico Conte, “Rugby: la diversità è un valore”, organizzato dall’ASD Campi Flegrei Club Pozzuoli Rugby e dalla Federazione Italiana Rugby. Protagoniste le ragazze della categoria Under 14 e formazioni miste di minirugby che, attraverso lo sport, faranno riflettere sull’importanza del rispetto reciproco e della diversità di genere.
Invece, alle ore 20 a Piazza a Mare, manifestazione organizzata da “Arabesque” con danze popolari, canti, musiche e recitazione con proiezioni di filmati finalizzati a coinvolgere e sensibilizzare la comunità sul ruolo della donna nella società.

Sabato 11 marzo, infine, è prevista la quarta edizione di “Giornata in rosa”, organizzata dall’associazione DiversaMenteGiovani, con visite guidate al percorso archeologico del Rione Terra.

Negli ultimi anni si sono registrati grandi passi in avanti in campo politico, sociale ed economico – dichiara l’assessore alle Pari Opportunità Lydia De Simone – ma il divario di genere resta molto ampio e il retaggio culturale che vede la donna relegata al ruolo di moglie e madre è ancora fortemente radicato. Dobbiamo impegnarci a mettere in campo politiche di genere che valorizzino la donna in tutti i settori, per raggiungere la vera parità che alla donna spetta di diritto, soprattutto per il grande contributo che può dare alla società”.(CFN)