Flash News

Piano di Protezione Civile, forse qualcosa si muove

Piano di Protezione Civile, forse qualcosa si muove

(CFN) POZZUOLI – Ci son voluti fiumi di parole, decine di articoli e anche qualche sciame sismico per convincere l’Ente di via Tito Livio che è arrivato il momento di mettere mano ad una azione di comunicazione concreta per informare la cittadinanza dei possibili rischi in caso di eruzione o più semplicemente di scosse di Bradisismo un po’ più intense.

COC - ragazzi in visita 2Stamane 94 ragazzi di scuola elementare del plesso san martino, accompagnati dai propri insegnanti, hanno fatto visita al Centro Operativo Comunale di Protezione Civile dove hanno cominciato a conoscere un fenomeno che i loro genitori hanno già vissuto in passato.
Ad accoglierli l’architetto Franco Alberto De Simone, direttore del COC, che ha mostrato loro gli uffici, le apparecchiature in dotazione, fatto vedere dei video e delle schede informative. Informazioni sulle caratteristiche morfologiche del territorio, sul bradisismo, sui rischi connessi alle calamità naturali sono state fornite ai giovani. Il direttore De Simone ha spiegato loro anche nome comportarsi in caso di emergenza ma, come ovvio che sia, i comportamenti vanno assimilati e quindi anche insegnanti e genitori dovranno proseguire su questa strada.

La conoscenza del territorio e soprattutto dei fenomeni sismici con i quali Pozzuoli convive da tempo è un aspetto fondamentale che abbiamo deciso di curare a partire dal coinvolgimento delle scuole – ha dichiarato il sindaco Vincenzo Figliolia in una nota – Sappiamo che sui Campi Flegrei vige attualmente lo stato di attenzione e per questo siamo costantemente in contatto con i tecnici dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che ci aggiornano su tutto quanto avviene nel nostro sottosuolo. E’ inutile pertanto creare inutili allarmismi: la situazione è monitorata quotidianamente. E nel contempo, come annunciato più volte, – conclude Figliolia – stiamo aggiornando il piano di emergenza locale che già esiste e che presenteremo in tempi brevissimi“.

Nei prossimi giorni anche altre scuole saranno ospitate presso il COC per far in modo che altri ragazzi comincino a prendere coscienza del proprio territorio per poi poterci vivere consapevolmente in modo responsabile e sostenibile:(CFN)