Flash News

Pozzuoli, Centonovantamila minuti… dopo – Monteforte Irpino

Tragedia Monteforte Irpino 2(CFN) Pozzuoli – “Centonovantamila minuti… dopo – Monteforte Irpino” è questo il titolo dell’iniziativa che si terrà sabato 7 dicembre alle ore 11 al Polo Culturale di “Palazzo Toledo” a Pozzuoli ed organizzato da Assostampa Flegrea, l’associazione che riunisce i giornalisti che operano nei Campi Flegrei. Tanti, infatti sono i minuti che ci separano da quel tragico 28 luglio.
Saranno proiettati servizi audio, video e reportage fotografici commentati dagli stessi giornalisti che si sono trovati ad operare in quei difficili momenti e che li hanno realizzati. Di questi saranno presenti Antonello Perillo (RAI di Napoli), Eleonora Puntillo (Corriere del Mezzogiorno), Pietro Treccagnoli (Il Mattino), Paolo Chiariello (Sky Tg24), Gennaro Del Giudice (Cronaca Flegrea), Enzo Perone (Rai News 24), Elisabetta Froncillo (Secolo XIX), Enzo Buono (fotoreporter), Alessandro Napolitano (Il Mattino), Umberto Milazzo (Quarto Canale Flegreo).
Interverranno Antonio De Stefano (sindaco di Monteforte Irpino) e Vincenzo Figliolia (sindaco di Pozzuoli), mentre Franco Fumo (assessore alla Cultura del Comune di Pozzuoli) porterà il saluto ai presenti a nome della città.
Non è né una commemorazione, né un evento, bensì – afferma il presidente di Assostampa Flegrea Gino Conte – un momento di riflessione per comprendere in che contesto si sono trovati ad operare i giornalisti delle diverse testate, sia nazionali che locali, nel trattare ‘la notizia’ in un contesto difficile non tanto perché si sono ritrovati di fronte a delle vittime a cui, in ogni caso, sono abituati per professione, ma difficile rispetto ai familiari di questi sospesi tra la vita e la morte o ai loro cari distanti diverse decine di chilometri ignari della immane tragedia che li stava per travolgere.”.
Un incontro fra addetti ai lavori, ma aperto ai cittadini, per capire, e far capire, come a volte siadifficile per un giornalista decidere se rendere, o non rendere, pubblica una notizia ed eventualmente come diffonderla senza rischiare di scadere nella spettacolarizzazione di un dramma.
Oramai i media ci hanno abituati alla “notizia del giorno” piuttosto che alla “notizia del momento” utile ai fini degli ascolti o delle vendite ma non bisogna dimenticare che dietro ogni articolo, servizio, foto, c’è un uomo o una donna che devono operare una scelta: quella di divulgarla. Una decisione a volte difficile da prendere e spesso senza avere l’opportunità di poter fare, serenamente, le opportune valutazioni. Un ‘Si’ o un ‘No’ separati da un velo sottile e labile.
“Centonavantamila minuti …dopo – Monteforte Irpino”, però, è anche un momento per capire a che punto sono le indagini di una tragedia che è senza logica ma anche un modo per tenere alta l’attenzione affinché ne vengano individuate le responsabilità.(CFN)