Flash News

Pozzuoli sarà presto la città più sorvegliata d’Italia

Pozzuoli sarà presto la città più sorvegliata d’Italia

(CFN) POZZUOLI – Saranno 81 gli occhi elettronici che prossimamente sorveglieranno ogni centimetro del centro città. L’installazione dell’intero sistema di controllo e delle telecamere partirà entro quindici giorni ed entrerà in funzione per la metà del mese di luglio. Per realizzarla sarà necessario stendere altri 10 km di fibra oltre ai 20 già esistenti che consentiranno di far funzionare il sistema che verrà installato presso il CED di Monteruscello. La sala controllo, invece, sarà installata presso la sede della Polizia Municipale di via Luciano. Al momento il sistema controllerà la parte alta della città, il centro storico e la zona del lungomare di via Napoli e costerà alla collettività 800mila euro di cui 500 attraverso un mutuo della Cassa Depositi e Prestiti da rimborsare nei prossimi vent’anni e 300mila a carico del bilancio comunale da pagare in tre anni. In futuro è prevista la copertura anche delle zone di Arco Felice, Lucrino, Toiano e Monteruscello.
Pozzuoli, sistema di videosorveglianza 1Il sistema che entrerà in funzione, oltre a consentire un controllo più capillare del territori da parte della Polizia Municipale, consentirà di verificare se le auto in transito nella zona sono assicurate e collaudate. Il sistema, infatti, sarà interfacciato con il data base delle compagnie assicurative e con la Motorizzazione Civile. Le telecamere grazie all’elevata tecnologia, qualità ed alta risoluzione potranno leggere le targhe e ingrandire l’immagine per rendere più visibili dei particolari.Pozzuoli, sistema di videosorveglianza 4
In alcuni parchi o piazze, ad esempio Piazza a Mare saranno installati dei totem ovvero dei “vigili” elettronici che consentiranno una visione dettagliata ed a 360 gradi in remoto e che avranno dei pulsanti di “SOS” per attivare immediatamente degli interventi delle forze dell’ordine o di soccorso.
Questo è un ragionamento partito nel 2009 – ha dichiarato il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia – che ha avuto un accelerata con le ultime gravi vicende accadute a Pozzuoli sul lungomare. (ndr incendio della centralina di controllo dei varchi e paletti a via Napoli)  Il monitoraggio ed il controllo dei luoghi della movida nei fine settimana andrà ad affiancare il lavoro delle forze dell’ordine. Ma questa è soltanto la prima fase – ha continuato Figliolia – perché stiamo già lavorando per ampliare la videosorveglianza alle altre zone di Pozzuoli non ancora coperte: Monterusciello, Toiano, Arcofelice, Lucrino e Agnano Pisciarelli. E lo faremo – prosegue il sindaco – in parte utilizzando una quota risparmiata dagli 800 mila euro investiti per questa fase e in parte ricorrendo al finanziamento del governo per un progetto realizzato in collaborazione con la Prefettura di Napoli. Il nostro obiettivo – conclude Figliolia – è di mettere in sicurezza i cittadini e i turisti e anche le opere che si stanno realizzando in città. Anche perché con la sola presenza della polizia municipale e delle forze dell’ordine non si può controllare tutto, soprattutto nelle ore notturne e nei fine settimana.”
Pozzuoli, sistema di videosorveglianza 3Tempi duri, quindi, per automobilisti indisciplinati e per malfattori. Tutto ciò a discapito della privacy del cittadino onesto.(CFN)