La Puteolana 1902 attacca la stampa, i giornalisti denunciano: “Comportamento inaccettabile”

La Puteolana 1902 attacca la stampa, i giornalisti denunciano: “Comportamento inaccettabile”

(CFN) POZZUOLI – Una nota di contestazione per gli atteggiamenti inaccettabili assunti dalla ASD Puteolana 1902 è stata sottoscritta ed inviata da moltissimi giornalisti della stampa locale, fra cui diversi direttori di testata, all’Ordine dei Giornalisti, all’USSI, alla FIGC ma anche agli organi di polizia come Questura e Commissariato locale.
La ASD Puteolana 1902, attraverso due comunicati stampa, uno del 21 l’altro del 23 novembre, ha attaccato gli organi di stampa locali ed in particolare la nostra testata. Ai comunicati stampa, diffusi dalla società sul proprio profilo social, hanno fatto eco i commenti di diversi tifosi che si sono scagliati contro la stampa locale talvolta anche con minacce molto esplicite, peraltro, condivise, dalla società sportiva che, evidentemente, ne ha condiviso la sostanza.
Campi Flegrei News stigmatizza sia la posizione della società sportiva, nel metodo e nella sostanza, oltre che l’atteggiamento di quella parte di tifoseria che si è fatta evidentemente strumentalizzare.

A seguire pubblichiamo la nota diffusa dai giornalisti:

“In merito a quanto divulgato il 23 novembre scorso da parte della Asd Puteolana 1902, e cioè «La diffusione di notizie prive di attendibilità, che a volte avviene solo ed esclusivamente per accrescere la popolarità o i click di qualche testata giornalistica, è solo uno dei mezzi che vengono utilizzati quando si cerca di destabilizzare un ambiente in crescita ed una piazza che si trova in un momento di grande euforia e rifioritura calcistica» – ritenuto gravemente lesivo dell’immagine e della professionalità dei cronisti, non solo sportivi, attivi da anni nell’area flegrea, gli stessi tengono a precisare alcuni punti imprescindibili che andranno ad esporre.

Innanzitutto, contestando il “metodo”. Si è sparato nel mucchio senza un minimo di ragionevolezza. Aspetto, quest’ultimo, confermato da una seconda nota divulgata nelle giornata di domenica 24 novembre, dalla stessa società e che recita: «La Asd Puteolana 1902 si scusa per la generalizzazione e, in nome del rispetto nei riguardi degli operatori dell’informazione che si occupano e lavorano nell’area flegrea, e ci tiene a sottolineare che la testata che più di una volta ha operato scorrettamente nei nostri riguardi è Campi Flegrei News e che tutte le altre testate, che svolgono correttamente il proprio mestiere, sono le benvenute». Seppur apprezzando la volontà di chiarire quello che è molto più di un equivoco, gran parte dei cronisti flegrei, anche accettando le scuse da parte del club, ne stigmatizzano il modus operandi. Se c’era da individuare un presunto responsabile, da parte della Puteolana 1902, di “operato scorretto”, la società avrebbe dovuto farlo immediatamente, confrontandosi con la testata giornalistica e il giornalista in questione. Operazione del tutto omessa, nei fatti, da parte di chi cura la comunicazione della società, probabilmente un po’ troppo frenetico o superficiale. Prova ne sia quanto ancora sottolineato dalla Asd Puteolana 1902 nella giornata di domenica riferendosi a quanto divulgato il giorno precedente: «Nel rileggerlo a mente fredda, ammettiamo che poteva dar adito ad altre interpretazioni diverse…».

Sia ben chiaro. Campi Flegrei News (nel caso specifico) al pari di tutti gli organi di informazione, nessuno escluso, ha il pieno ed insindacabile diritto di divulgare ciò che ritiene di proprio interesse. E all’Asd Puteolana 1902, se i suoi dirigenti non ne fossero a conoscenza, ricordiamo che, per eventualmente replicare a notizie ritenute non veritiere, bisogna guardare come stella polare alla legge, in grado di offrire strumenti utili ad ottenere chiarezza (richiesta di rettifica, smentita, querela).

Nell’apprezzare dunque la parziale “retromarcia” del club, ci auguriamo che comportamenti del genere (compresi i “like” sui social a commenti inqualificabili nei confronti della stampa) da parte di chi rappresenta una società sportiva così gloriosa, non abbiano mai più a verificarsi”. (CFN)