Flash News

Puteolana-Bisceglie, 90′ che possono decidere il futuro dei granata
Pietro Pastore, bomber dei granata

Puteolana-Bisceglie, 90′ che possono decidere il futuro dei granata

(CFN) POZZUOLI – A 270’ minuti dal termine della regular season la Puteolana 1902 si trova al crocevia del suo campionato. La sfida contro il Bisceglie in programma questo giovedì santo al “Conte” è quella gara che in parte potrebbe decidere le sorti dei granata nella griglia per i play out. Il successo di domenica al “Paudice” sulla Mariano Keller è stata una vera boccata d’ossigeno e la conseguente sconfitta del Grottaglie ha permesso ai diavoli rossi di portarsi al quart’ultimo posto e a soli 3 punti dall’obiettivo che la squadra guidata da Potenza si è dato: il 13° posto che gli consentirebbe di poter disputare la gara secca della post season in casa.

pastore al tiro

Il match contro i pugliesi, dove saranno assenti Russo e Salvati per squalifica, è la classica sfida da dentro o fuori che non si può fallire. Insomma l’ultimo treno su cui salire e che ha come capolinea la permanenza in serie D, anche in virtù del fatto che il Real Metapontino è impegnato in casa della corazzata Matera. “La vittoria sulla Keller è stata di fondamentale importanza per noi perché ci ha dato autostima e ha alzato il morale all’interno del gruppo – ha affermato Pietro Pastore, che domenica a San Giorgio a Cremano ha segnato il goal della vittoria -. Adesso siamo chiamati a completare l’opera e a battere il Bisceglie: non possiamo permetterci altri passi falsi in casa perché sarebbe fare il cosiddetto passo del gambero”. I pugliesi sono reduci dal poker rifilato domenica al San Severo che ha interrotto la serie di tre sconfitte consecutive e, finora, in trasferta hanno conquistato 15 dei 37 punti totali che hanno in classifica. “Sappiamo molto bene il potenziale tecnico del Bisceglie ma per noi questo conta ben poco – continua Pastore -. L’importante sarà scendere in campo fin dalle prime battute con il piglio giusto di una squadra che vuole solo vincere: non possiamo entrare sul terreno di gioco in maniera timorosa perché sarebbe un’arma a doppio taglio. Spero che i tifosi ci stiano vicini e ci sostengano come d’altronde hanno sempre fatto: le critiche mettiamole da parte e salviamoci tutti insieme”. Per Pastore al “Paudice” domenica è arrivato il terzo centro stagionale dopo quelli al Taranto e al Real Vico Equense. “So bene che come realizzazioni è stato un bilancio carente e me ne assumo tutte le responsabilità al 99% – conclude Pastore -. Ma io penso che non è solo colpa mia o dei miei compagni di reparto e la cosa va divisa equamente tra tutti i componenti della squadra. Alla fine tireremo le somme ma ora ci interessa solo vincere e salvarci”. (CFN Sport)