Tifosi Ischia: "Aggrediti per primi, nessuna frangia politica nella nostra curva"
I tifosi organizzati dell'Ischia Calcio

Tifosi Ischia: “Aggrediti per primi, nessuna frangia politica nella nostra curva”

(CFN) ISCHIA – Non si placano le polemiche dopo gli scontri tra le tifoserie del Quartograd e dell’Ischia avvenuti domenica al termine della partita disputata al “Mazzella” che ha visto l’arresto di 5 supporters della formazione di Quarto, poi, liberati lunedì al termine della prima udienza al Tribunale di Napoli. Oggi abbiamo ricevuto il comunicato dei Gruppi Organizzati dei tifosi dell’Ischia che riportiamo sotto:

In seguito a quanto successo nel post partita di Ischia-Quartograd i gruppi organizzati YBL ’83 ed Ultras Liberi 1922 ci tengono a precisare in primis che non sono simpatizzanti di alcuna frangia politica e sono da sempre contro la politica nelle curve. Quanto accaduto è da considerarsi solo ed esclusivamente come difesa in seguito ad un’aggressione (VIGLIACCA) subita da alcuni componenti della nostra tifoseria, e ci teniamo a precisare che non accettiamo lezioni di come si vive la gradinata da nessuno, figuriamoci da una tifoseria che di lezioni non può di certo darne. Le radio e i giornali possono scrivere quello che gli pare; noi abbiamo solo risposto ad un’aggressione fatta nei nostri confronti dai sostenitori del Quartograd, per di più sotto il nostro settore. Per il resto chi c’era, sa. L’Ischia e il suo tifo hanno una storia e va rispettata. FUORI LA POLITICA DALLE CURVE.  Firmato: YBL 83 ed UL1922“. (CFN)