Trasporti, la Regione inserisce nel TIC Campania diversi comuni ma quelli flegrei restano fuori
Biglietti TIC Campania

Trasporti, la Regione inserisce nel TIC Campania diversi comuni ma quelli flegrei restano fuori

(CFN) POZZUOLI – La Regione Campania ha modificato, su proposta dell’assessore Sergio Vetrella, il TIC – Tiket Integrato Campania, entrato in vigore a gennaio scorso, includendone diversi comuni. Quelli che sono stati ricompresi, o integrati, nel TIC a partire dal 1° aprile  sono: Pontecagnano Faiano per Avellino; Montefredane per Avellino; Boscotrecase (fascia 2 e 3), Marano, Melito e Volla (fascia 1 e 2). Restano sorprendentemente fuori Pozzuoli, Bacoli e Quarto che prima dell’entrata in vigore del TIC rientravano in Unico Campania.
All’entrata in vigore delle attuali tariffe di trasporto che vedeva fortemente penalizzati i tre comuni non solo sotto il profilo tariffario ma anche per lo scadente servizio in particolare di Cumana e Circumflegrea i sindaci di Pozzuoli e Bacoli si attivarono con un ricorso al TAR ed una class action (leggi QUI) che, ad oggi, non hanno sortito gli effetti desiderati.
A partire dal 1° aprile, inoltre, sarà consentito il trasporto gratuito di biciclette il sabato e nei giorni festivi sui treni abilitati di Trenitalia.
Dopo i primi mesi di sperimentazione, istruite tutte le pratiche pervenute e valutata approfonditamente la loro fattibilità dal punto di vista tecnico, apportiamo alcune importanti modifiche e integrazioni al nuovo sistema di biglietti per il trasporto pubblico – dichiara l’assessore Vetrella – che migliorano ulteriormente i servizi offerti agli utenti e che ci sono state anche richieste da cittadini, associazioni ed enti locali. Particolarmente significative – continua Vetrella – a mio parere sono la decisione di consentire il trasporto gratuito delle biciclette nei weekend.”
La Regione ha anche istituito un comitato di controllo e monitoraggio della qualità del servizio di trasporto campano individuando un gruppo di utenti che via web interagiranno per fornire informazioni utili per migliorarne il servizio.
“Per la prima volta il coinvolgimento diretto degli utenti via web nella valutazione della qualità dei servizi. Una decisione a cui tengo molto, poiché credo che i nostri utenti sono innanzitutto nostri clienti, e hanno quindi non solo il diritto ma anche la competenza per aiutarci a migliorare sempre di più il sistema, così come si fa per qualunque tipo di prodotto. Sono sicuro che questa sorta di verifica della ‘customer satisfaction’ stimolerà anche le aziende a fare sempre meglio. Sottolineo infine – conclude Vetrella – che tutte queste innovazioni sono state discusse e approvate nell’apposito Comitato di indirizzo e monitoraggio, che è l’organismo di raccordo istituzionale attraverso cui la Regione favorisce la partecipazione degli enti locali al processo di pianificazione, gestione e controllo dei servizi di trasporto pubblico locale del bacino unico regionale.”(CFN)