Flash News

Trasporto pubblico, tempi duri per i “portoghesi”
Cumana di Arco Felice - polizia amministrativa intenta a controllare

Trasporto pubblico, tempi duri per i “portoghesi”

(CFN) NAPOLI – La EAV, la società che gestisce le principali linee di trasporto della provincia di Napoli, fra cui Cumana e Circumflegrea, ha oggi reso noto che i viaggiatori senza biglietto saranno sanzionati secondo la nuova normativa regionale. Vediamo quali sono i casi:
Qualora il viaggiatore viene trovato sprovvisto di biglietto “in occasione di ogni singolo accesso ai mezzi di trasporto utilizzati”, ovvero la stazione, sarà sanzionato con una sanzione fissa di 6€;
Qualora il viaggiatore viene trovato sprovvisto di biglietto per il trasporto urbano o extraurbano sarà sanzionato con una ammenda pari a 100 volte il costo del biglietto, oltre al pagamento della tariffa ordinaria di corsa semplice e delle spese di notifica;
Qualora il viaggiatore non sia in condizione di esibire l’abbonamento settimanale o mensile alla richiesta del verificatore sarà sanzionato, a meno che l’utente non presenti il documento di viaggio entro i successivi cinque giorni dalla violazione e purchè l’abbonamento risulti convalidato dall’obliteratrice in data anteriore all’accertamento della violazione. Anche in questo caso a carico dell’utente è prevista una sanzione fissa di 6€.
E’ previsto il pagamento in misura ridotta ad un terzo della sanzione, oltre le spese di procedimento se effettuata entro 60 giorni dalla contestazione immediata o, se questa non vi è stata, dalla
notificazione degli estremi della violazione. La somma potrà essere ulteriormente ridotta del 30% se il pagamento viene effettuato entro cinque giorni dalla contestazione.
Quindi, qualora si venga trovati sprovvisti di biglietto dal costo di 1,70€, ad esempio sulla tratta Pozzuoli-Fuorigrotta la sanzione ammonterà a 176€. Se pagata entro cinque giorni solo, si fa per dire, 125€.
Inasprite le sanzioni per, giustamente, arginare il fenomeno dei “portoghesi” ci sarebbe da chiedersi, in virtù dei diritti del cittadino, quali siano le sanzioni previste a carico dell’azienda di trasporto pubblico che tarda o abolisce le corse oppure che non rispetta i tempi di percorrenza come spesso, spessissimo succede. Ci sarebbe da scommettere che a rimetterci sarà sempre, e comunque, solo il povero cittadino ed utente.(CFN)