Virtus Baia sotto tiro, catena e lucchetto all'ingresso del Chiovato rischia di non far giocare la partita

Virtus Baia sotto tiro, catena e lucchetto all’ingresso del Chiovato rischia di non far giocare la partita

(CFS) BAIA – Ancora un attacco alla gloriosa Virtus Baia dopo il furto della bandiera di qualche settimana fa. E’ quello che è accaduto ieri mattina all’ingresso dello stadio “Tony Chiovato” alle falde del Castello Aragonese. Era in programma la partita di Prima Categoria tra la Virtus Baia e l’Orfri. Una volta giunti sul posto giocatori e dirigenti baiani hanno trovato una catena con tanto di lucchetto oltre a quello d’ingresso. E solo grazie all’intervento del primo cittadino Della Ragione che alla fine la gara è stata possibile disputarla. Il club di Baia la prende con filosofia: “Qualche buontempone pensava di non farci giocare domenica mattina, apponendo un lucchetto in più a quello del cancello d’ingresso del campo. Ma non hanno capito nulla“. (CFS)