Virtus Basket, contro Partenope decisivi gli ultimi 46 secondi

(CFS) POZZUOLI – Nella gara interna contro la Partenope Napoli la Virtus Pozzuoli riesce a garantirsi, non senza qualche sofferenza, il risultato: finale 82-77.
Entrambe, fuori dai play off, hanno affrontato la gara in scioltezza disputando una partita sportiva e senza particolari scorrettezze.
I partenopei mostrano una mano migliore da 3 (3/4 contro lo 0/2, ma raggiungono prima il bonus di falli collettivi). I locali pagano qualche passaggio a vuoto in più sino all’8° (19–18). Pur essendo più spesso avanti nel punteggio il margine è sempre limitato sino all’allungo firmato da Aprea (2) e Bastoni (2): 25–19 al 9°. La tripla di Errico M. dimezza le distanze (25–22 al 10°).
Migliora la qualità del lavoro difensivo dei quintetti (fioccano le palle recuperate). Cannavale G (4) e Filippi (5) hanno la precisione sufficiente per operare l’aggancio a quota 29 al 15° (4–7). Ad innervosire coach Serpico è il comportamento difensivo dei suoi ragazzi che concedono troppa libertà agli avversari. Né parla approfonditamente nel time out che sortisce effetti timidi e saltuari. L’entusiasmo, la verve, le diverse soluzioni nelle due fasi di gioco consentono agli ospiti di essere spesso avanti nel risultato toccando il +7 al 19° (37–44). Immediata un’altra sospensione. Alla ripresa Bastoni (1) e Loncarevic riducono il passivo (40–44 al 20°).
Vibrante l’avvio di terza frazione. Ottimizzando il tecnico sanzionato a Luongo, i napoletani toccano il +6 al 22° (42–48). I flegrei tornano subito a contatto (48 pari al 23°). Inizia una fase della gara particolare, viva (con tanti duelli), con folate positive e negative per le due formazioni. La Partenope conduce spesso (52–56 al 26°), ma non riesce mai a scappare. Allo scadere è superata con il perfetto sfruttamento del tecnico chiamato a coach Olivo (Orefice 2, Bastoni 2): 61–60 al 30°.
Il momento favorevole ai padroni di casa prosegue con l’allungo sino al +6 al 32° (68–62) che costringe l’allenatore dei rivali a ricorrere ad una sospensione. Le indicazioni sbloccano le percentuali realizzative (72–69 al 35°) preoccupando il trainer dei padroni di casa che ha osservato troppi errori dei suoi cestisti. Errico (2) e Bastoni (2) danno ampiezza al vantaggio (76–70 al 37°), ma non basta per considerare vinto l’incontro. Il poker di Suriano lo riapre (76–74 al 39°). La tripla di Aprea lo indirizza (79–74 a 47” dalla sirena). Il gioco da 3 di Suriano lo tiene ancora vivo (79–77 a 16” dal gong). Dalla lunetta Bastoni fa 2/2 (81–77). Luongo cattura un prezioso rimbalzo ed Aprea fissa il definitivo 82–77.(CFS)

Virtus Pozzuoli: Orefice 11, Longobardi ne, Caresta ne, Orsini 8, Luongo 13, Aprea 6, Errico 17, Bastoni 7, Innocente 4, Loncarevic 6. Coach Serpico.
Partenope: Cannavale G 5, Vallone, Montanaro 2, Filippi 14, Cannavale F 13, Foa 3, Suriano 19, Savarese ne, Errico 21, Vittoriosi ne. Coach Olivo

Arbitri: Roberto Ozzella (Napoli) e Bartolomeo Puzio (Afragola)
Parziali: 25–22, 40–44, 61–60,
Usciti per falli: Foa (Pa)