Virtus Pozzuoli, arriva l'ala-pivot Bini. Flegrei inseriti nel girone D di serie B

Virtus Pozzuoli, arriva l’ala-pivot Bini. Flegrei inseriti nel girone D di serie B

(CFS) POZZUOLI – Comincia a prendere forma il roster della Virtus Basket Pozzuoli dopo poco più di un mese dalla promozione in serie B. Il primo acquisto per la stagione 2018-2019 è stato, infatti, comunicato in occasione della festa di fine anno della società flegrea: si tratta di Ernesto Carrichiello la guardia-ala che arriva direttamente dalla Pallacanestro Angri, l’ultima delle avversarie campane della Virtus Pozzuoli, battendo la quale i puteolani hanno ottenuto l’accesso al concentramento nazionale per la promozione in B. Carrichiello, classe 1984, è originario di Pozzuoli, dove si è formato cestisticamente, e può vantare un curriculum di tutto rispetto. Durante la sua carriera ha disputato molti campionati di serie B e C, maturando l’esperienza necessaria per soddisfare le richieste della Virtus Basket Pozzuoli. Citando solo i tesseramenti più recenti, sono da ricordare la stagione 2016-2017 con la maglia della Pallacanestro Maddaloni in serie B, con la quale chiude a quota 408 punti personali, e quella 2017-2018 in serie C silver con la Pallacanestro Angri che lo vede ottenere il primato di miglior marcatore con ben 465 punti realizzati.

Ernesto Carrichiello, però, non è l’unico acquisto della società puteolana, che ha anche ingaggiato un’ala forte-pivot. Si tratta di Matteo Bini, classe 1994 e originario della provincia di Arezzo, ma formatosi cestisticamente in varie società abruzzesi; la prima esperienza importante è con la Were Basket Ortona in serie C regionale. Nell’ultimo anno ha vestito la maglietta della Pallacanestro Pescara e della Virtus Cassino, entrambe in serie B. Si è dimostrato un giocatore con una buona mano che vanta anche centimetri importanti, è infatti alto 201 cm, cosa che potrà sicuramente rivelarsi utile sotto i tabelloni.

Oltre ai due nuovi acquisti, bisogna parlare di due riconferme importanti: la prima è quella del play Mario Caresta classe 1996, un giovane che ha toccato il parquet puteolano già ai tempi del mini basket, cresciuto molto cestisticamente negli ultimi anni, sia a Pozzuoli sia grazie all’esperienza con la Virtus Monte di Procida, ma soprattutto il play titolare dell’ultima stagione della Virtus Pozzuoli e uno degli artefici della promozione in B con 350 punti personali, dimostrando di poter dare il suo contributo anche in una serie superiore. Altra riconferma è quella di Nicola Longobardi, guardia classe 1996, altro giocatore cestisticamente cresciuto a Pozzuoli e che ha dimostrato grande grinta oltre ad un notevole miglioramento nel corso degli anni. Longobardi è stata una delle certezze della stagione 2017-2018, altro artefice della promozione puteolana con il suoi 400 punti realizzati.

Oltre a pensare alla squadra, la Virtus Pozzuoli è venuta a conoscenza anche delle sue prossime avversarie, è stata infatti inserita nel girone D composto da 5 squadre campane, 6 laziali, 3 siciliane, una lucana e una calabrese. Tra le campane, oltre alla Virtus Pozzuoli, Cuore Basket Napoli (proveniente dalla serie A2),  Juve Caserta, Virtus Arechi Salerno e Polisportiva Battipagliese. Le laziali sono: Pallacanestro Palestrina, Luiss Roma, Stella Azzurra Roma, Tiber Basket Roma, Basket Scauri e Virtus Valmontone; le siciliane: Pol. Costa d’Orlando, Polisportiva Alfa Catania e Green Basket Palermo. Da aggiungere, poi, Olimpia Matera e Viola Reggio Calabria.(CFS)

Commenti