Coronavirus: la profilassi consigliata dall’ Ordine dei Medici

Coronavirus: la profilassi consigliata dall’ Ordine dei Medici

(CFN) POZZUOLI – Sul tema che tanto sta creando troppa apprensione.
Il presidente dell’Ordine dei Medici di Trieste, il dott. Dino Trento, ha ritenuto diffondere una serie di indicazioni da seguire a solo scopo precauzionale.

Il presidente triestino ha quindi elencato molto chiaramente quali comportamenti adottare qualora non ci si sente bene.

I Sintomi

  • febbre maggiore o uguale a 37,5 accompagnata da tosse e/o raffreddore;
  • congiuntivite o sintomi d’influenza stagionale e/o respiratori accompagnata da provenienza da zone a rischio fra le quali, oltre a quelle della Cina e dell’estremo oriente, oltre che da zone italiane considerate al momento a rischio come Piemonte, Lombardia e Veneto, il cui elenco è continuamente aggiornato.

Cosa fare in presenza di questi sintomi

  • in maniera tassativa non si può uscire di casa;
  • chiamare il numero 112;
  • non recarsi dal medico di famiglia o dal pediatra o guardia medica;
  • non recarsi in pronto soccorso ma telefonare al 112 o ad un numero di emergenza regionale o nazionale come il 1550;
  • chiamare i medici di base e i pediatri che possono fungere da punto di contatto.

Il paziente sarà successivamente contattato dal medico infettivologo oppure dal servizio di prevenzione che decideranno opportunamente.

E’ bene chiarire che la quarantena volontaria a domicilio non è certificabile ma deve essere ordinata e fatta in accordo con il dipartimento di prevenzione.

I medici di base non possono e non devono recarsi a domicilio nei casi dubbi.

E’ opportuno recarsi dal proprio medico solo per motivi gravi e inderogabili, preferibilmente su appuntamento al fine di non creare affollamenti. Lo studio medico, o l’ospedale, infatti, sono aree per loro natura maggiormente soggette a rischio di contagio.

Tenersi informati senza allarmismi.
Le locali ASL hanno la situazione sotto controllo.(CFN)