Covid19: festa trash a via Napoli. Imminente identificazione e denuncia di autori e partecipanti
Il sindaco Figliolia

Covid19: festa trash a via Napoli. Imminente identificazione e denuncia di autori e partecipanti

(CFN) POZZUOLI – All’indomani della pubblicazione di un video sui social di un festeggiamento al Rione Marocchini, alle spalle del Corso Umberto, nonostante le note prescrizioni per motivi sanitari, si scatena l’ira del sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia che ha dato mandato alle forze dell’ordine di identificare e denunciare autori e partecipanti.

“Il mio ringraziamento alla polizia municipale, alla Guardia di Finanza, alla Polizia di Stato e in particolare ai Carabinieri che in queste ore stanno identificando i personaggi che ieri pomeriggio hanno dato vita ad assembramenti in un rione a ridosso del lungomare di Pozzuoli. Si sta procedendo con le denunce e le relative sanzioni”. – ha dichiarato il sindaco di Pozzuoli – Per pochi balordi, irresponsabili, la nostra città oggi è sui media nazionali. Non è questa la nostra immagine, e lo sappiamo bene. Grazie soprattutto alla maggioranza della popolazione, rispettosa delle regole e di cui vado fiero. Ci sono migliaia di persone in queste ore che si stanno attenendo alle restrizioni per far rientrare l’emergenza sanitaria e poter tornare prima possibile alla normalità. Ed è inammissibile – continua Figliolia – che ci siano ancora soggetti che credono di essere invulnerabili. Penso al personale sanitario, ai farmacisti, alle forze dell’ordine, agli operatori ambientali, al personale dei supermercati, ai tanti volontari che stanno contribuendo alla grande rete di solidarietà, a tutti coloro che stanno mettendo a rischio la propria vita compiendo il proprio dovere, con alto senso civico. Nel rispetto innanzitutto loro e di tutti quelli che stanno osservando le misure di contenimento, con non facili rinunce, – ha concluso il sindaco Figliolia – è fondamentale essere sentinelle dei territori ed evitare che scene assurde come quelle di ieri si ripetano! Siamo una comunità unita e insieme dobbiamo remare per farcela!”(CFN)