POZZUOLI/ Solfatara chiusa, la delusione dei turisti nei tanti commenti su TripAdvisor
L'ingresso della Solfatara chiuso

POZZUOLI/ Solfatara chiusa, la delusione dei turisti nei tanti commenti su TripAdvisor

POZZUOLI. Sono 560 giorni che il vulcano Solfatara è chiuso al pubblico. L’intera area è sotto sequestro preventivo dal 26 ottobre del 2017, su richiesta della Procura di Napoli. Il provvedimento arrivò un mese e mezzo dopo il tragico incidente del 12 settembre dello stesso anno in cui persero la vita Lorenzo Carrer, 11 anni, e i suoi genitori Tiziana, 42 anni, e Massimiliano, 45. Ogni giorno è un continuo via vai di turisti che arrivano ma, poi, trovano il cancello chiuso e delusi vanno via. “Se fosse stato visitabile – dice un turista francese con la moglie giunti a Pozzuoli con un camper – Abbiamo visto dall’alto le bocche di vapore solfureo, certo visitando l’area con una guida l’avremmo apprezzata di più“. Su Tripadvisor sono tanti i commenti in cui i turisti, che ogni giorno arrivano e tornano poi indietro, ne elogiano la bellezza anche se vista in lontananza ma con un pizzico di rammarico e tanta delusione perché chiuso. Si accontentano anche di vederlo dall’alto imboccando una strada laterale a sinistra dell’ingresso attorno ad un muro di cinta con una ringhiera che evita di sporgersi.

LE INIZIATIVE Numerosi sono gli appelli che abbiamo fatto affinché, in sicurezza, venga riaperta la Solfatara – spiega Rosario Mattera di Malazè -. E’ il nostro luogo dell’anima e fino a prima della tragedia era considerato uno dei più importanti attrattori della Campania e unico nel suo genere. I Campi Flegrei in questo momento storico non si possono più permettere di tenerlo chiuso e gli amministratori di questo territorio, che in ogni convegno affermano: ora o mai più, riferendosi ad una svolta turistica che stanno intraprendendo i Campi Flegrei, devono chiedere con forza e usare ogni mezzo in loro possesso per la sua riapertura. I Campi Flegrei senza la Solfatara sono un luogo mutilato“. Intanto, le iniziative sono molteplici tanto che su Facebook è stata anche aperta una pagina intitolata “Riapriamo la Solfatara” in cui ogni giorno sono scritti i diversi episodi di turisti che arrivano fuori al vulcano ma anche le richieste di tour operator, l’ultimo dei quali alla fiera del turismo di Berlino. (CFN)