Kindly, Enter your custom slider's Shortcode.
Virtus Pozzuoli, vittoria ai supplementari contro la JuveTrani che sa di riscatto

Virtus Pozzuoli, vittoria ai supplementari contro la JuveTrani che sa di riscatto

(CFS) POZZUOLI – La Virtus Pozzuoli vince al PalaErrico di Pozzuoli contro una JuveTrani aggressiva e determinata. Dopo una partita sudata da entrambe le compagini, a poco meno di un minuto dalla fine Virtus sotto di 6. A time out coach Serpico punta sul pari ed i supplementari. Doppia di bomba di Orefice ed Orsini. I restanti 24″ non sono sufficienti peri pugliesi per avere la meglio. Si va ai supplementari. Dopo i primi 5′ i flegrei sono avanti di 10 lunghezze. Finale 89-79.

I cominciano bene e toccano il +5 al 2° (7–2). Quando la difesa ospite sembra prendere le misure nel pitturato agli avversari, questi sparano ben 3 bombe che valgono l +9 al 5° (16–7). Variazioni di pedine e di soluzioni difensive per coach Verile che trova il bandolo della matassa. Con Corvino la sua squadra torna sul +5 all’8° (19–14). Il time out voluto dal suo collega non produce gli effetti sperati perché la rimonta viaggiante prosegue e si chiude con la bella tripla del sorpasso di Corvino (21–22). Dalla lunetta Aprea firma il 23–22 del 10°.
I diversi schemi difensivi sono un rompicapo per il quintetto locale che fatica a trovare la via del canestro. Molto più sciolti i contendenti che muovono il punteggio con ben 5 cestisti toccando il +6 al 15° (30–36) quando l’allenatore dei campani ricorre alla sospensione. Le indicazioni fornite fruttano in fase offensiva con i partenopei che muovono più velocemente il proprio score (Errico 6, Orsini 3, Orefice 2, Luongo 2) sopperendo a qualche smagliatura di troppo difensiva. La rimonta è lenta, ma inesorabile: 43–47 al 20°.
La tripla di Onetto vale il +9 al 22° (43–52) che scuote i napoletani che piazzano un mortifero 12–0 (4 Luongo, 3 Orsini, 2 Aprea, 2 Errico) che scalda il PalaErrico. Il 54–52 del 24° fa infuriare il tecnico dei pugliesi che ricorre al minuto. Alla ripresa sale l’intensità, la determinazione, la grinta su entrambi i versanti. Aumentano anche i falli individuali per le formazioni (in bonus al 27°) che devono ragionare molto le azioni d’attacco. Alterni gli esiti delle manovre con i gialloblù che toccano il +5 al 28° (63–58). Risultato che resta bloccato per alcuni possessi prima del poker calato dagli ospiti che tornano così a contatto (63–62 al 30°).
Il trend è ancora favorevole ai viaggianti che completano il sorpasso: 63–66 al 32°. Orsini (3)  dà la scossa ai compagni (66 pari al 33°) che devono fronteggiare i 4 falli di Luongo (in panchina) ed Errico (in campo). Gli avversari non sfruttano il tecnico (per proteste) inflitto a coach Serpico (67–70 al 35°). Non ottimizzato nemmeno l’antisportivo sanzionato a Corvino (70–72 al 36°). Tensione, pathos nell’impianto di via Solfatara dove la palla pesa sempre di più. Si segna a fatica, poi ci sono gli squilli di Onetto (2) e Leoncavallo (2+1): 71–77 al 39°. L’allenatore dei gialloblù preferisce ricorrere al time out per costruire con calma gli ultimi decisivi possessi. Al rientro le bombe di Orefice e Orsini: 77 pari a 24” dalla sirena ed immediata sospensione per il coach dei contendenti. Non a bersaglio i pugliesi e si va all’over time.
Ad aprirli il 2/2 di Aprea con i gialloblù che sono molto attenti in difesa. Caricano di falli i rivali (tecnico a Corvino): 81–77 al 32°. Errico da sotto per l’83–77 del 33°. Basta ad infiammare ulteriormente i tifosi flegrei. Bastoni (2) ed Orsini (3) confezionano il +9 a 85” dal termine (88–79).

Virtus Pozzuoli: Oefice 10, Longobardi ne, Gargiulo ne, Caresta ne, Orsini 21, Luongo 8, Aprea 26, Errico 16, Bastoni 8, Innocente ne.
Coach: Mauro Serpico.

Juve Trani: Corvino 15, Clementi ne, Cancelli ne, Onetto 9, Di Lauro 10, Leoncavallo 21, Porfido, Mazzilli 4, Grimaldi 20, Liso ne.
Coach: Marco Verile.

Arbitri: Mirko Sabatino di Salerno e Fabio Pagano di Scafati (Sa).
Parziali: 23–22, 43–47, 63–62, 77 – 77
Usciti per falli: Luongo (GVP)