Basket| Virtus Pozzuoli, il nuovo capitano Nicola Savoldelli: “Saremo una squadra totalmente diversa, qui non si è mai vista una squadra così”
Nicola Savoldelli, nuovo capitano della Virtus Pozzuoli

Basket| Virtus Pozzuoli, il nuovo capitano Nicola Savoldelli: “Saremo una squadra totalmente diversa, qui non si è mai vista una squadra così”

(CFS) POZZUOLI – Riconferma importantissima per la Virtus Pozzuoli è quella del play, classe ’97, Nicola Savoldelli, miglior realizzatore della scorsa stagione con una media di 15 punti a partita. Giovane, atletico e veloce sono i tre aggettivi che meglio lo definiscono, è un giocatore di carattere che dà continuità al progetto flegreo, una garanzia su cui Pozzuoli ha molto investito affidandogli anche il ruolo di capitano della squadra.

Nicola è entusiasta di essere tornato nei Campi Flegrei e racconta che l’intesa con la società è stata subito rinnovata, non sono mancate le motivazioni che lo hanno spinto a restare: “Ho accettato subito di restare a Pozzuoli per il progetto che c’è, ho parlato con i dirigenti della società e con coach Gentile di quello che sarebbe stato il progetto di quest’anno e  mi ha convinto subito. Abbiamo una squadra molto, molto più atletica e fisicamente impostata rispetto allo scorso anno, potremmo essere la sorpresa del campionato e per questo ho accettato anche il ruolo di capitano che per me è una grande responsabilità”. Questa è certamente una motivazione in più per il giovane Savoldelli che appare grintoso e pronto al suo nuovo compito: “È la prima volta che mi succede di essere il capitano di una squadra senior, è una grande responsabilità perché vuol dire anche portare avanti i colori di una città e farò di tutto per essere il leader in campo, ma anche e soprattutto nello spogliatoio poiché è da quello che si consolida una squadra e così, poi, ci saranno i risultati”.

Il neo capitano, punto di unione tra i componenti del roster della passata stagione e i nuovi arrivati, ha anche presentato la Virtus Pozzuoli 2020/2021: “Siamo rimasti in sei dello scorso anno: io, Bordi, Lurini, Caresta, Mehmedoviq e Balic, poi c’è Kushchev che è il nostro nuovo centro titolare, è un ragazzo super, un gran lungo di esperienza, il più grande della squadra e, secondo me, sarà il nostro ago della bilancia. In più ci sono Gaye, che ho incontrato da avversario quando giocava a Cecina ed io ero a Firenze, è un talento spropositato, molto fisico e atletico, e Mavric, che non avevo mai visto giocare, ma dopo questi allenamenti ho capito che ha una buona mano, anche lui è molto atletico”.

Con parecchie novità, quindi, la Virtus Pozzuoli ha iniziato la preparazione e con Nicola abbiamo anche affrontato la questione dello stop forzato, oltre a farci raccontare quali sono le sensazioni di questi primi giorni: “È molto strano entrare in palestra con la mascherina e soprattutto è strano avere contatti ravvicinati visto che fuori c’è l’obbligo del metro di distanza. Fisicamente, però, stiamo tutti bene, abbiamo lavorato durante la quarantena ed ora è molto bello tornare alla normalità. I primi allenamenti vanno bene, ovviamente siamo molto stanchi, stiamo facendo una preparazione più intensa perché ci sarà la Supercoppa già l’11 ottobre,ma siamo pronti. Siamo una buona squadra e, con la giusta quadratura, potremmo essere una gran sorpresa”.

Se poi gli chiediamo un anticipo di quello che intende per “sorpresa” e cosa dobbiamo aspettarci, Nicola conclude: “Dobbiamo aspettarci una squadra totalmente diversa da quello che è stata sempre Pozzuoli perché siamo ragazzi molto giovani, daremo tutto in campo e di questo non ho il minimo dubbio. Faremo divertite il pubblico, fisicamente e atleticamente qui non si è mai vista una squadra così”.(CFS – Martina Costantino)