BASKET| Avversario ostico per la Virtus Pozzuoli: sabato c’è l’incontro casalingo con Ruvo di Puglia
Foto di Gennaro Perillo

BASKET| Avversario ostico per la Virtus Pozzuoli: sabato c’è l’incontro casalingo con Ruvo di Puglia

(CFS) POZZUOLI – Sabato 9 ottobre alle ore 19:00 ci sarà l’esordio casalingo della Virtus Pozzuoli che ospiterà il Basket Ruvo di Puglia.

Partita che si prospetta ostica per i ragazzi del tecnico Valerio Spinelli chiamati ad affrontare una delle formazioni meglio allestite del campionato, come dimostrato nella gara contro Salerno vinta 78-62. Alla guida tecnica dei pugliesi c’è coach Ponticiello riconfermato dopo il buon lavoro svolto dal suo arrivo a Ruvo lo scorso anno. Il roster è composto da giocatori esperti, primo tra tutti l’ala Mattia Mastroianni, miglior realizzatore della scorsa partita. Lunga la sua esperienza in serie B: lo scorso anno a Ragusa, prima ancora a Palestrina, Orzinuovi e Reggio Calabria, oltre ai due anni con il Napoli Basket, di cui uno in A2. In cabina di regia c’è il play Cantagalli alla sua seconda stagione con i pugliesi con i quali ha realizzato 384 punti, ha totalizzato una media di 14.8 e un best di 28 punti. Le guardie sono Ciribeni e Hidalgo: il primo è una riconferma, ha realizzato 10 punti nella prima gara di campionato, mentre la scorsa stagione la sua media è stata di 14.2 con un best di 23 punti. Hidalgo, classe ’94, proviene dalla Pallacanestro Vicenza, ma ha giocato in B anche con Giulianova e in A2 con la NPC Rieti. A dare man forte a Mastroianni troviamo l’ala, classe ’00, Nikola Markovic, altra riconferma di Ponticiello, che in carriera ha giocato anche in A2 con Scafati nella stagione 2019/2020, e Riccardo Bartolozzi che lo scorso anno ha conquistato la promozione con Nardò. Sotto i tabelloni, invece, troviamo l’esperto Cassar proveniente dal Basket Fabriano dopo le esperienze in A2 con Orzinuovi, Torino e Piacenza. Lo affianca il più giovane Monina, classe ’00, che lo scorso anno ha vestito la maglia della Scandone Avellino.

La gara si disputerà a porte chiuse per la momentanea mancanza del certificato di agibilità dell’impianto.(CFS- Martina Costantino)