Covid, positivi ancora oltre i 4mila e da domenica la Campania è zona rossa: le limitazioni

Covid, positivi ancora oltre i 4mila e da domenica la Campania è zona rossa: le limitazioni

(CFN) NAPOLI – I positivi in Campania di oggi sfondano quota 4.000 e da domenica la regione sarà decretata zona rossa con le conseguenti, inevitabili, limitazioni.

Il bollettino della Unità di Crisi regionale ha registrato 4.079 persone risultate positive sui 25.510 test effettuati: di questi 509 sono i sintomatici e 3570 gli asintomatici. Fortunatamente, in giornata, non sono stati registrati decessi.

Intanto la regione si avvia, a partire da domenica 15, ad essere zona rossa con una serie di limitazioni che dureranno fino alla fine del mese di novembre salvo eventuale prolungamento qualora i dati non segnino una inversione di tendenza.

Le limitazioni:

  • Le strutture ricettive restano aperte. È consentita l’attività di ristorazione senza limiti di orario per i soli clienti pernottanti.
  • I nidi e scuole dell’infanzia in Italia sono aperti mentre in Campania sono chiusi fino al 14 novembre.
  • Per le attività di ristorazione, bar, pasticcerie e gelaterie, sarà possibile solo fare attività di asporto fino alle 22. Per la consegna di alimenti a domicilio non c’è limite di orario.
  • I mezzi pubblici, bus, tram, metro, funicolari e treni locali avranno una capienza massima del 50%.
  • Sarà necessario dotarsi di autocertificazione durante gli spostamenti che saranno consentiti solo per per valido motivo. Le sanzioni, per chi si sposta senza valido motivo di lavoro, salute, studio o necessità, è di 400 euro.
  • Le autostrade saranno fruibili senza limiti di orario come anche gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande delle aree di servizio in autostrada, così come negli ospedali e negli aeroporti.
  • Si potrà andare in bicicletta per andare al lavoro o a fare la spesa, non come attività motoria.
  • Sarà possibile accompagnare il proprio cane per le esigenze fisiologiche senza limiti di orario.
  • Restano vietate le visite alle persone detenute mentre i colloqui possono svolgersi esclusivamente in modalità a distanza.
  • I centri commerciali saranno chiusi ma resteranno aperte le attività interne di alimentari, tabacchi, edicole, farmacie e parafarmacie.
  • Sono vietate feste, convegni, conferenze, congressi, spettacoli.
  • Sospese le prove selettive dei concorsi pubblici e quelle private e per il conseguimento delle abilitazione all’esercizio delle professioni, a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, nonché a esclusione dei concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale.
  • E’ possibile, anche se sconsigliate, fare le assemblee condominiali in presenza.
  • Il coprifuoco notturno scatta alle 22 e dura fino alle 5 del mattino. Sono consentiti gli spostamenti con autocertificazione per lavoro, salute, studio e necessità.
  • Sarà possibile fare jogging individuale ma solo nei pressi della propria abitazione.
  • Vietati cortei e tutte le manifestazioni pubbliche.
  • Cancellati mercatini natalizi, sagre e fiere.

Queste limitazioni varranno per 15 dalla pubblicazione del decreto che dovrebbe essere pubblicato nella giornata di sabato con entrata in vigore a partire da domenica 15 novembre.(CFN)