Flash News

La classifica marcatori di serie B parla flegreo con Castaldo e Maniero!
Gigi Castaldo, ex bomber della F.C. Puteolana 1902, ora all'Avellino

La classifica marcatori di serie B parla flegreo con Castaldo e Maniero!

(CFN) POZZUOLI -. Dopo l’ultimo turno del campionato di serie B giocato alla vigilia di Natale la classifica marcatori del torneo cadetti parla sempre di più flegreo. Infatti, alle spalle dell’ariete Granoche del Modena che guida la classifica con 13 reti ci sono due bomber che dalla zona flegrea hanno iniziato a dare i primi calci e a formarsi. Il primo è Gigi Castaldo che a Trapani ha segnato il momentaneo vantaggio dell’Avellino prima che i siciliani dilagassero. Per il 32enne bomber originario di Giugliano è l’11° sigillo di cui 4 segnati su calcio di rigore. Castaldo fu acquistato dalla F.C.Puteolana 1902 del presidente Attilio Cesarano nella stagione 1999-2000 su suggerimento del tecnico Vittorio Sepe. Il giocatore quell’anno giocò con la Juniores ma l’esplosione la ebbe l’anno dopo in C2 quando l’allenatore Eziolino Capuano lo lanciò in prima squadra e lui rispose a suon di goal poco più che 18enne. Le buone prestazioni gli valsero le attenzioni dell’Ancona di Ermanno Pieroni che lo acquistò nel corso del campionato, poi, ci fu l’esperienza con il Benevento e nel campionato 2002-2003 il ritorno a Pozzuoli in una formazione granata giovanissima che quell’anno in C2 fece appena 6 punti.

Riccardo Maniero attaccante del Pescara

Riccardo Maniero attaccante del Pescara

Il resto poi è storia dei nostri giorni con l’esplosione alla Juve Stabia e le esperienze con Benevento e Nocerina prima di arrivare alla corte di Massimo Rastelli all’Avellino. Il secondo bomber è Riccardo Maniero, classe’ 87, centravanti e capitano del Pescara che ha segnato finora 10 reti. Il padre Enrico e il fratello Marco sono state le persone che lo hanno segnato nella sua carriera calcistica perché entrambi prima di lui hanno giocato a calcio ed entrambi sono flegrei anche se d’adozione il padre perché originario di Roma. Il papà con il Napoli e poi una lunga carriera in serie C, il fratello invece ha giocato tra Lega Pro e serie D e vanta esperienze con Quarto e Monte di Procida. Lui Riccardo era nelle giovanili della Sibilla Bacoli per un breve periodo prima di approdare in quelle della Juventus dove fa tutta la trafila vincendo un campionato Primavera poi via via le esperienze con Ascoli, Bari, Lumezzane, Arezzo fino ad arrivare al Pescara dove si fa conoscere a suon di goal e oggi è il capitano. (CFN Sport)