Orrore nel lago d'Averno: "Oche uccise con i petardi tra i canneti"|Gallery

Orrore nel lago d’Averno: “Oche uccise con i petardi tra i canneti”|Gallery

(CFN) POZZUOLI – Una atto disumano. E’ quello che hanno ritrovato ieri mattina i residenti del lago d’Averno. Almeno cinque oche adulte di colore bianco uccise tra i canneti sulla sponda dello specchio acqueo andando verso il Tempio di Apollo. Ad accorgersene non solo i residenti ma anche le tante persone che il sabato decide di farsi una passeggiata attorno al lago, oppure, jogging. Di chi può essere la mano di tutto questo? I residenti sono sicuri: “Si tratta di un gruppo di ragazzi che l’altra sera facevano baldoria attorno al lago – hanno dichiarato alcuni di loro a Campi Flegrei News -. Sono stati utilizzati dei petardi per uccidere le oche. Come si può essere così disumani. Queste oche stanno nel lago da tanto tempo e non hanno mai dato fastidio a nessuno. Anzi, i bambini le danno da mangiare. Gli fanno compagnia. Chi è stato l’autore di questo atto ignobile deve pagare. Denunceremo il tutto alle forze dell’ordine ma chi ha visto qualcosa deve segnalarlo“. Non hanno tutti i torti i residenti e le persone che ieri mattina hanno visto lo spettacolo indegno tra i canneti. Proprio vicino a quella zona per terra sono state trovate bottiglie di birra, vino e alcolici. E buttati qua e la anche delle penne delle oche strappate con forza oltre che diverse cicche e pacchetti di sigarette vuote e non solo. Una cosa è certa i residenti sono stufi e decisi a dare un volto e un nome a chi si è reso autore di un atto così disumano. (CFN) 

Questo slideshow richiede JavaScript.